krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroIl cancroTipi di cancroTipi di cancro

Cancro dell’ovaio

Ogni anno il carcinoma ovarico colpisce in Svizzera circa 600 donne, rappresentando circa il 3 % di tutti i tumori femminili. L'età media delle persone colpite è di oltre 60 anni. Al momento della diagnosi, una donna su cinque ha meno di 50 anni.

1. tuba 2. ovaia 3. utero 4. vagina 5. cavità uterina 6. corpo dell’utero (tunica muscolare) 7. muscola uterina (endometrio) 8. orifizio uterino

Nelle due ovaie della donna crescono gli ovuli da cui nasce un bambino quando viene fecondato con lo sperma maschile. Come le tube di Falloppio e l'utero, le ovaie si trovano nell'addome e sono vicine alla vescica e all'intestino.

Alcuni fattori possono aumentare il rischio di ammalarsi:

  • età superiore ai 60 anni
  • rischio di cancro ereditario (vedi sotto)
  • assenza di figli
  • infertilità
  • terapia ormonale sostituiva durante il climaterio
  • sovrappeso
  • fumare
  • diabete mellito di tipo 2
  • endometriosi (malattia della mucosa uterina)
  • esposizione a sostanze nocive (per es. amianto)

Rischio di cancro ereditario

Un fattore importante per l’insorgenza di un cancro dell’ovaio è la predisposizione ereditaria, ossia la presenza in famiglia di più parenti prossime (madre, sorella, figlia) colpite dal cancro dell’ovaio e/o del seno attualmente o in passato.

Circa un carcinoma ovarico su dieci è di origine ereditaria. Questo significa che le donne colpite hanno ereditato una mutazione di geni specifici, come le alterazioni dei geni BRCA1 e BRCA2. Queste mutazioni aumentano il rischio di sviluppare un cancro del seno e/o dell’ovaio.

Tra i fattori che riducono il rischio ci sono eventi e misure che comportano una riduzione del numero di ovulazioni nel corso della vita, come ad esempio l’assunzione di contraccettivi (anticoncezionali orali, «pillola»), l’avere avuto più di una gravidanza e l’allattamento.

L’abitudine di fumare, consumare bevande alcoliche, l’alimentazione e l’attività fisica - in una parola, lo stile di vita - possono essere migliorate. Attraverso uno stile di vita sano ed evitando certi rischi, si può ridurre il rischio di contrarre alcuni tipi di cancro.

Alcuni tipi di tumore possono essere diagnosticati prima che i sintomi si manifestino grazie ai test di screening. Ciò consente un trattamento precoce e può spesso migliorare la prognosi.

Attualmente non esiste un metodo affidabile per riconoscere precocemente un carcinoma ovarico.

Il cancro dell’ovaio spesso rimane a lungo asintomatico. Dato che il cancro ha molto spazio per crescere nella pelvi e nella cavità addominale, può passare inosservato per anni.

Diversi sintomi possono suggerire la presenza di un cancro dell’ovaio:

  • dolori addominali persistenti di origine non chiara
  • pesantezza di stomaco
  • flatulenza
  • stitichezza
  • aumento della circonferenza addominale
  • inspiegabile perdita di peso
  • aumento insolito della frequenza urinaria
  • dolore persistente nel basso ventre
  • dolore durante i rapporti sessuali
  • perdite di sangue al di fuori del ciclo mestruale o dopo la menopausa
  • stanchezza e spossamento generali.

In caso di disturbi e sintomi che possono suggerire la presenza di un cancro dell’ovaio, vengono effettuati vari esami:

  • esame obiettivo
  • esami di laboratorio (ad es. sangue)
  • ecografia
  • tomografia computerizzata
  • tomografia a risonanza magnetica (MRT)
  • tomografia a emissione di positroni (PET)

Nella maggior parte dei casi, questi esami sono effettuati da uno specialista in ginecologia.

Il trattamento centrale consiste nell’intervento chirurgicoe nella chemioterapia. In alcuni casi, alla chemioterapia può seguire una terapia mirata con anticorpi monoclonali.

Se il cancro dell’ovaio è individuato in uno stadio precoce, in cui il tumore è circoscritto alle ovaie, la malattia ha una buona prognosi. Se invece il cancro si è già esteso alla cavità addominale, le probabilità di guarigione si riducono notevolmente.

Materiale informativo

Ha ricevuto una diagnosi di cancro dell’ovaio? Le informazioni e gli strumenti di seguito proposti La potrebbero aiutare:

Nello shop trova molti altri opuscoli e fogli informativi su vari argomenti relativi al tema cancro.

Ultimo aggiornamento: 4 gennaio 2021