krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_genf_newkrebsliga_genf_new_mobilekrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroIl cancroTerapieMedicinali contro il cancroTerapie

Medicinali contro il cancro

Per il trattamento del cancro vengono utilizzate diverse terapie farmacologiche. Le terapie farmacologiche si suddividono in:

Tutte queste terapie mirano a distruggere le cellule tumorali. Vengono somministrate sotto forma di infusione, iniezione o compressa. Nella maggior parte dei casi, vengono combinati diversi trattamenti: contemporaneamente o uno dopo l'altro.

Ai pazienti viene installato a volte un accesso venoso permanente. Così non devono pungere la vena ad ogni infusione. I sistemi port o cateteri venosi periferici sono adatti a questo scopo.

Si tratta di un accesso permanente in vena. Il sistema port-a-chat, o port, viene posizionato sotto la pelle. Il port è visibile dall'esterno come un leggero rilievo. Per un'infusione, gli specialisti posizionano il port in modo quasi impercettibile.

Il port viene inserito in ospedale. Il posizionamento del port avviene in anestesia locale o generale. Di solito è possibile tornare a casa il giorno stesso. I port possono far scattare l'allarme ai controlli di sicurezza degli aeroporti. Per questo riceverà una carta del paziente che dovrà portare con sé quando viaggia.

Si tratta di un sottile tubicino di plastica che viene inserito nel sistema venoso. I cateteri venosi sono il PICC e il midline. Ognuno ha una lunghezza diversa.

I cateteri PICC vengono inseriti in una vena del braccio. La loro punta arriva vicino al cuore. Sono impiegati in trattamenti che durano al massimo un anno. I PICC sono un'alternativa ai sistemi port.

I cateteri midline vengono inseriti in due possibili vene: quella ascellare o la succlaviale. Sono un'alternativa ai cateteri endovenosi. I cateteri midline servono per somministrare liquidi. Si usano per periodi brevi, che vanno da una settimana fino a sei settimane.

‌Per l'inserimento di questi cateteri ci si reca in ospedale. Di solito si può tornare a casa il giorno stesso. Prima di iniziare la procedura, la pelle nel punto dove avverrà la perforazione viene anestetizzata. Si usa un'anestesia locale. Il personale infermieristico controlla spesso questa zona.

L'oncologo e il personale infermieristico parleranno con Lei. Discuteranno le domande che ha sulla terapia con i farmaci. Se ha delle domande, le scriva a casa. In questo modo non le dimenticherà. È bene che qualcuno La accompagni a questa consultazione.

Non è sicuro della scelta del trattamento? Non esiti a parlarne. ‌Lei ha il diritto di chiedere un secondo parere medico in qualsiasi momento. L'équipe di cura conosce questa possibilità. Invierà i documenti al medico competente.

Durante il colloquio con il medico potrà porre le seguenti domande:

  • che tipo di terapia farmacologica riceverò?
  • Devo recarmi in ospedale per questo e posso tornare a casa il giorno stesso?
  • Quanto tempo dura la terapia?
  • Qual è l'esperienza dell'équipe curante nel trattamento del mio tipo di tumore? Personale esperto può migliorare l'andamento della malattia. Questa esperienza può anche migliorare la qualità di vita del paziente.
  • Avrò effetti collaterali e indesiderati? Che cosa posso fare per contrastarli? Quando e a chi devo rivolgermi in caso di bisogno?
  • Come incide la terapia sulla mia vita di tutti i giorni? In che modo influisce sul mio lavoro? E sul tempo che dedico alle attività ricreative?
  • Chi posso contattare in caso di domande? In caso di domande o di effetti collaterali, a chi posso rivolgermi?
  • Che cosa posso fare per migliorare il mio benessere?
  • Chi può aiutarmi se la mia malattia mi preoccupa molto? Dove posso trovare sostegno per me e per la mia famiglia?

‌La Linea cancro e le Leghe cantonali e regionali contro il cancro sono pronte ad aiutare. Possono rispondere alle Sue domande.

Attualmente non esiste un vaccino autorizzato per curare il cancro. Tuttavia, esistono vaccini contro alcuni virus. Alcuni di questi virus aumentano il rischio di sviluppare un cancro. I più noti sono:

  • vaccini contro i virus dell'epatite B. Questi virus sono un fattore di rischio per il cancro del fegato;
  • vaccini contro i papillomavirus umani (HPV). Gli HPV aumentano il rischio di cancro al collo dell'utero.

Si tratta di un trattamento che i medici adattano al singolo individuo. Le caratteristiche delle cellule tumorali sono determinanti a tal fine. Le proprietà sono esaminate in laboratorio. Qui, vengono stabilite con precisione.

Esempi di medicina personalizzata sono:

  • quando nelle cellule del tumore ci sono alterazioni genetiche, è possibile considerare l'uso di terapie mirate. Anche la chemioterapia può essere adattata a questi cambiamenti.
  • Se un tumore presenta particolari recettori sulle sue cellule, è possibile trattarlo con anticorpi specifici.
  • Se le cellule tumorali presentano recettori ormonali, è possibile ricorrere a farmaci antiormonali.

Le terapie antitumorali a base di farmaci possono causare effetti collaterali. Alcuni si notano durante la terapia, altri solo al termine della stessa.

Se e in che misura si manifestano gli effetti collaterali varia da persona a persona. Molti effetti collaterali possono essere attenuati.

Maggiori informazioni in «Che cosa fare in caso di effetti collaterali?»

Si rechi dal dentista prima di cominciare i trattamenti. Faccia richiesta dello stato dentale. Si tratta di un rapporto scritto sui Suoi denti. Lo stato dentale mostra se i denti sono sani prima del trattamento.

Il dentista controllerà anche se ci sono infiammazioni nascoste nella bocca. Queste verranno trattate prima di iniziare il trattamento contro il cancro.

Perché è importante?

I trattamenti per curare il cancro possono danneggiare i denti. Se il trattamento del tumore ha danneggiato i denti, controlli presso la Sua assicurazione sanitaria. Deve verificare se i costi del dentista sono inclusi nel contratto. Per fare questo chiarimento è necessario lo stato dentale.

Prima dei trattamenti contro il cancro, è importante avere denti e gengive sani.

Posticipi gli interventi programmati presso il dentista a dopo il trattamento contro il cancro. In questo modo evita il rischio di infiammazioni. Può succedere che, durante le terapie contro il cancro, a causa di un'emergenza, ha bisogno del dentista. In questo caso, lo informi delle terapie che sta facendo. Informi l'oncologo se ha appuntamenti dal dentista o per l'igiene dentale.

La scienza sviluppa costantemente nuovi trattamenti per il cancro. Gli scienziati eseguono studi clinici. Il loro obiettivo è sviluppare trattamenti contro il cancro migliori. Desiderano scoprire se il nuovo trattamento è più efficace di quello esistente.

Chieda al Suo medico se Lei può partecipare a uno studio clinico.

‌Per ulteriori informazioni, si rivolga all'équipe curante. Oppure consulti l'opuscolo: «Terapia oncologica nell'ambito di uno studio clinico».

 

 

Aggiornato ad ottobre del 2023.
Ha dei suggerimenti per migliorare la pagina?
Consulenza
Consulenza

Il servizio di consulenza e informazione dedicato ai malati di cancro, ai loro familiari e a tutte le persone interessate è disponibile nei giorni feriali dalle 10 alle 18 per telefono, e-mail, chat e videochiamata.

Linea cancro 0800 11 88 11
Chat «Cancerline» alla Chat
Consigliano sul posto legacancro.ch/region
Fare una donazione
Consulenza
Consulenza