krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroIl cancroDisturbi concomitantiFatigue da cancroDisturbi concomitanti

Fatigue da cancro

La stanchezza naturale, spesso accompagnata da un senso di soddisfazione dopo un'intensa o lunga giornata di lavoro, non ha niente a che vedere con la cosiddetta «fatica cronica», associata a una malattia. Quest'ultima è una delle manifestazioni collaterali più frequenti e moleste del cancro.

Molte persone colpite da un cancro soffrono di una forma speciale di stanchezza, chiamata «fatigue». Le cause di fatigue sono molteplici.

La fatigue lascia un senso di sfinimento a livello emotivo, mentale e/o fisico. Questa sensazione non può essere spiegata adeguatamente da un precedente carico emotivo o sforzo fisico. Difficilmente una fatigue si risolve con il sonno o con il riposo.

Una fatigue da cancro può comparire in ogni fase della malattia: prima della diagnosi, durante la terapia, in caso di recidiva, quando il cancro si trasforma in una malattia cronica o persino mesi o anni dopo aver terminato il trattamento di un cancro. Può comparire in modo improvviso o gradualmente.

I disturbi più frequenti sono:

  • stanchezza fino allo sfinimento, mancanza di energia e/o un bisogno sproporzionato di riposo;
  • sensazione di debolezza generale e mancanza di forze, pesantezza degli arti;
  • insonnia o bisogno eccessivo di sonno;
  • il sonno è meno ristoratore o non lo è più del tutto;
  • difficoltà a svolgere le attività quotidiane (per es. le faccende domestiche);
  • disturbi della concentrazione e dell’attenzione;
  • mancanza di motivazione ad affrontare le attività quotidiane;
  • sensazione di doversi sforzare per fare qualsiasi cosa;
  • forti reazioni emotive allo sfinimento (per es. abbattimento, irritabilità, frustrazione);
  • malessere persistente per ore dopo uno sforzo fisico.

Si faccia spiegare dalla Sua équipe curante quali potrebbero essere i motivi all’origine della Sua fatigue. Spesso le cause sono più di una:

  • il cancro;
  • le terapie del cancro (operazione, chemioterapia o altre terapie farmacologiche, radioterapia);
  • diminuzione della massa muscolare;
  • anemia;
  • cause psichiche (per es. depressione);
  • malattie concomitanti (per es. dolore cronico);
  • medicamenti usati per le malattie concomitanti (per es. analgesici potenti).

L'équipe curante utilizzerà liste di controllo o questionari standardizzati per valutare in modo accurato la stanchezza durante la consultazione con il paziente. In alternativa, il personale sarà in grado di indirizzare verso specialisti esperti nella diagnosi e gestione della stanchezza.

A volte vengono effettuati ulteriori esami per escludere cause mediche curabili (ad es. disturbi metabolici).

Chi è perennemente stanco si sente limitato nella vita di tutti i giorni e perde qualità di vita. Possono cambiare le relazioni e la ripartizione dei ruoli all’interno della famiglia. A seconda del tipo di lavoro che fa e di quanto è esigente, potrebbe dover ridurre la percentuale lavorativa o fare una pausa temporanea.

Parli tempestivamente con un membro della Sua équipe curante per diagnosticare l’eventuale presenza di una fatigue. Solo dopo la diagnosi è possibile avviare misure terapeutiche adatte a Lei.

Per gestire meglio la fatigue deve aumentare gradualmente le sue riserve di energia e impiegarle in modo mirato. Rifletta su quello che è importante per Lei:

  • quali sono le limitazioni che mi pesano di più?
  • Per cosa preferisco impiegare le mie energie disponibili?
  • A che cosa posso rinunciare?
  • Che cosa posso e desidero fare da solo?
  • Chi mi può aiutare nei compiti che non posso o non desidero fare da solo?

Spesso le persone colpite e i familiari non sanno che la mancanza di movimento e l’eccessivo riposo possono peggiorare una fatigue cronica invece di migliorarla. I seguenti suggerimenti possono aiutarla a ridurre la fatigue:

  • faccia regolare attività fisica;
  • tenga attivo il cervello;
  • si conceda pause regolari per riposare;
  • segua consapevolmente rituali come per esempio orari fissi dei pasti;
  • rispetti un ritmo sonno-veglia regolare;
  • segua un’alimentazione sana ed equilibrata;
  • si rivolga a specialisti esperti di sostegno durante il trattamento della fatigue. Parli delle Sue preoccupazioni e ansie;
  • cerchi il contatto con altre persone nella Sua situazione.

Nell'opuscolo «La fatigue da cancro» trova ulteriori informazioni e consigli utili per la vita quotidiana.

Ha sintomi di fatigue? Si rivolga agli esperti

Nello shop troverà molti altri articoli informativi su vari argomenti relativi al cancro.

Aggiornato a settembre del 2022

Ha dei suggerimenti per migliorare la pagina?
Consulenza
Consulenza

Il servizio di consulenza e informazione dedicato ai malati di cancro, ai loro familiari e a tutte le persone interessate è disponibile nei giorni feriali dalle 10 alle 18 per telefono, e-mail, chat e videochiamata.

Linea cancro 0800 11 88 11
Chat «Cancerline» alla Chat
Consigliano sul posto legacancro.ch/region
Consulenza
Consulenza
Fare una donazione
Consulenza
Consulenza