krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroMediaComunicati stampaGiornata del malato: aiutare le persone ammalate di cancro a rafforzare la loro resilienza

Giornata del malato: aiutare le persone ammalate di cancro a rafforzare la loro resilienza

Quest'anno la Giornata del malato del 7 marzo si terrà all’insegna del motto: «Vulnerabile ma forte». Un'idea guida che si applica anche alle 370 000 persone che vivono con o dopo il cancro in Svizzera. Sulla loro psiche non influsice solo la malattia, ma anche l'attuale pandemia. Gli specialisti della Lega contro il cancro sostengono le persone colpite e i loro familiari nel rafforzare la resilienza.

Le malattie come il cancro, oltre a limitarci fisicamente, hanno anche un impatto sulla nostra psiche. Durante la pandemia in corso, ciò è sempre più frequente in molti malati di cancro.* «Proprio nelle persone che già si sentivano vulnerabili a causa del cancro, a volte il COVID-19 ha esacerbato questi timori», afferma la dottoressa Brigitta Wössmer, psico-oncologa e membro del Comitato della Lega svizzera contro il cancro. Un'impressione confermata anche dal Prof. Dr. Georg Stüssi, ematologo e vicepresidente della Lega svizzera contro il cancro: «Anche negli ospedali sentiamo la grande insicurezza dei malati di cancro. I nostri pazienti sono consapevoli di essere parte della popolazione a rischio in questa pandemia e seguono molto attentamente le misure di protezione. Ma per molti il carico psicologico è eccessivo, visto che da mesi si trovano in uno stato di emergenza».

Rafforzare il sistema immunitario dell’anima

Nello stesso modo in cui rafforziamo il sistema immunitario del nostro corpo, possiamo farlo con la nostra psiche e aumentare la nostra resistenza. Ma sviluppare la resilienza non è un’azione individuale: un aspetto importante è costituito dalla società e dall'ambiente sociale, di cui fanno parte gli amici e la famiglia, ma anche nuovi contatti, ad esempio con persone che condividono la medesima sorte o che già hanno superato la crisi. Gli operatori specializzati forniscono un contributo importante per rafforzare la resilienza delle proprie e dei propri pazienti, se tengono d’occhio non solamente il trattamento della malattia ma l’essere umano nel suo insieme.

È qui che entrano in gioco i servizi gratuiti offerti dalla Lega contro il cancro: aiutano i malati di cancro a diventare più resistenti. Nei colloqui che si svolgono negli uffici regionali e cantonali, le consulenti della Lega contro il cancro tengono conto dei punti di forza e delle risorse, dello stato psicologico e dell'ambiente sociale delle persone colpite. E ciò anche dopo la conclusione del trattamento iniziale, poiché lo stress psicologico può manifestarsi anche nel tempo, specialmente nel caso dei cosiddetti «cancer survivors».

Ritratti di persone affette dal cancro nella Giornata del malato:

https://www.tagderkranken.ch/ritratti-di-persone-affette

Consulenza e informazione della Lega contro il cancro:

 

 

La Lega contro il cancro è un'organizzazione di utilità pubblica e non persegue scopi di lucro. Per 111 anni, essa opera nella prevenzione del cancro, nella promozione della ricerca e assiste i malati di cancro ed i loro congiunti. Riunisce 18 leghe cantonali e regionali e l’organizzazione ombrello a Berna. Si finanzia prevalentemente con donazioni.

*Colomer-Lahiguera, S., Ribi, K., Dunnack, H.J. et al. Experiences of people affected by cancer during the outbreak of the COVID-19 pandemic: an exploratory qualitative analysis of public online forums. Support Care Cancer (2021). doi.org/10.1007/s00520-021-06041-y