krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_genf_newkrebsliga_genf_new_mobilekrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroServizio per i mediaComunicati stampaIl cancro della prostata colpisce anche la mente

Il cancro della prostata colpisce anche la mente

In Svizzera, il cancro della prostata rappresenta il tipo di cancro più diffuso tra gli uomini e colpisce prevalentemente gli uomini anziani. Ogni anno si ammalano circa 7100 uomini e nonostante i progressi nelle cure, quasi 1400 muoiono delle conseguenze di questa malattia. Inoltre, il cancro e le sue terapie spesso provocano danni secondari gravi come l’incontinenza o l'impotenza. Non vanno sottovalutati nemmeno gli effetti psichici. Nel mese di novembre, dedicato alla prevenzione del cancro della prostata, la Lega contro il cancro informa e sensibilizza su questo tema.

Alla luce degli elevati tassi di incidenza e mortalità del cancro della prostata, sarebbe auspicabile un programma di screening affidabile per questo tumore. Tuttavia, i programmi che ricorrono al test dell’antigene prostatico specifico (PSA) finora non si sono dimostrati convincenti nelle valutazioni scientifiche. Non è chiaro quanti decessi possano essere evitati e quanto siano frequenti i falsi positivi, gli eccessi di diagnosi1 e i sovratrattamenti. Questi aspetti sono importanti perché il trattamento del cancro della prostata può avere conseguenze gravi, come l’incontinenza o l’impotenza.  

 

Informarsi per tempo sulla diagnosi precoce 

È importante che già la decisione per o contro la diagnosi precoce sia presa dopo un’informazione approfondita. Le persone con parenti di primo o secondo grado colpiti dal cancro della prostata hanno un rischio più elevato di ammalarsi. Dovrebbero discutere con il proprio medico sui vantaggi e gli svantaggi di sottoporsi a esami di diagnosi precoce a partire dai 40 anni. Ma proprio gli uomini sono quelli che hanno più difficoltà a parlare apertamente della diagnosi precoce e persino della malattia, e ad accettare aiuto in tal senso. 

 

Accettare un sostegno psiconcologico 

Anche durante e dopo un trattamento le persone colpite hanno a disposizione varie possibilità per affrontare le loro paure e preoccupazioni. Una di queste è la consulenza psiconcologica. «È stata dura gestire il nuovo corpo dopo l’asportazione della prostata e gli effetti collaterali delle chemioterapie e delle terapie ormonali. Grazie all’assistenza psiconcologica ho gestito bene i miei stati depressivi e oggi dico sì alla vita: sono ottimista e ho un atteggiamento positivo» racconta ad esempio Kay, 56 anni, che oggi si impegna come «peer» per le altre persone colpite presso la Lega contro il cancro. 

 

Non trascurare le questioni legate alla sessualità 

Persone colpite e partner spesso non trovano ascolto alle loro domande sulla sessualità. Con la Linea cancro e nelle Leghe regionali, la Lega contro il cancro offre una consulenza a bassa soglia e gratuita per le persone affette da un cancro e i loro familiari. Chi preferisce un contatto scritto può rivolgersi agli specialisti in forma anonima tramite e-mail o chat. 

 

Consulenza e informazione gratuite  

Per tutto il mese di novembre il Forum cancro (www.forumcancro.ch) si occupa del tema della salute degli uomini e dei tumori degli uomini. Le persone interessate possono scambiarsi informazioni o porre le loro domande per iscritto ai nostri esperti di comprovata esperienza. Le risposte vengono pubblicate regolarmente nel Forum.  

www.legacancro.ch/cancrodellaprostata 

La Lega contro il cancro consiglia, sostiene e informa le persone malate di cancro e i loro familiari. È impegnata specificamente nella prevenzione e nella diagnosi precoce del cancro e promuove la ricerca sul cancro indipendente. È un’associazione nazionale composta da 18 Leghe contro il cancro cantonali e regionali e da un’organizzazione ombrello, la Lega svizzera contro il cancro. È un’organizzazione finanziata principalmente da donazioni. www.legacancro.ch  

 

Consulenza
Consulenza

Il servizio di consulenza e informazione dedicato ai malati di cancro, ai loro familiari e a tutte le persone interessate è disponibile nei giorni feriali dalle 10 alle 18 per telefono, e-mail, chat e videochiamata.

Linea cancro 0800 11 88 11
Chat «Cancerline» alla Chat
Consigliano sul posto legacancro.ch/region
Fare una donazione
Consulenza
Consulenza