krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroIl cancroTipi di cancroTipi di cancro

Cancro colorettale (colon e retto)

Con il termine di «cancro colorettale» o «cancro dell’intestino» si designa in genere un’affezione tumorale maligna dell'intestino crasso, ossia del colon o del retto.

Ogni anno si registrano in Svizzera circa 4500 nuovi casi di cancro colorettale, soprattutto nella fascia d’età sopra i 50 anni. Il tumore è leggermente più frequente tra gli uomini che tra le donne. Negli ultimi decenni, la mortalità dovuta al cancro colorettale è progressivamente calata grazie alla diagnosi precoce, ai programmi di screening e al miglioramento delle misure terapeutiche.

I tumori maligni colorettali possono svilupparsi da diverse cellule, ma circa il 95 per cento dei casi ha origine nella mucosa del colon e del retto.

Il rinnovamento continuo della mucosa intestinale può provocare una sovrapproduzione di cellule. Soprattutto nelle persone oltre i 40 anni, questo fenomeno può dare origine a polipi, ossia escrescenze benigne della mucosa che crescono lentamente e in modo costante.

Malgrado la loro natura in genere benigna, la maggior parte dei polipi è classificata tra le lesioni precancerose, perché con il tempo possono degenerare in un tumore maligno.

Il cancro all'intestino - spegato in breve

     Cancro dell'intestino crasso - Sviluppo

    

Il cancro all'intestino - spegato in breve

Cancro dell'intestino crasso - Sviluppo

Cancro dell'intestino crasso -
Prevenzione e Fattori di Rischio


      
Cancro dell'intestino crasso -
Individuazione precoce


    

Cancro dell'intestino crasso - Prevenzione e Fattori di Rischio

Cancro dell'intestino crasso - Individuazione precoce

Non esiste una causa specifica del cancro colorettale. Chiunque può essere colpito da questo tumore e il rischio aumenta con l’età. 

Rischio ereditario 

Alcune persone, anche in giovane età, sono più esposte a causa di una predisposizione familiare. Il rischio più elevato concerne in particolare le famiglie affette da:

  • cancro colorettale ereditario non poliposico (HNPCC) o sindrome di Lynch;
  • poliposi adenomatosa familiare (PAF), caratterizzata dalla formazione di centinaia di polipi, soprattutto nel retto e nel colon.

Altri fattori di rischio 

  • Tumori maligni o polipi colorettali in un genitore o in un fratello o una sorella.
  • Polipi colorettali diagnosticati e asportati in passato.
  • Malattie infiammatorie croniche intestinali come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn.

Le misure principali che diminuiscono il rischio di cancro colorettale sono:

  • un’attività fisica regolare;
  • un consumo sufficiente di fibre alimentari: cereali integrali, frutta, verdura e leguminose;
  • limitare il consumo di carni rosse;
  • poco alcol;
  • evitare il sovrappeso;
  • non fumare.

I medici e la Lega contro il cancro raccomandano di sottoporsi regolarmente a esami di diagnosi precoce a partire dai 50 anni. Tali esami consistono nella maggior parte dei casi in una colonscopia o in un test di ricerca del sangue occulto nelle feci (sangue cioè invisibile a occhio nudo).

Questi esami sono proposti di preferenza nell’ambito di un programma sistematico, o screening, come quelli già esistenti o in procinto di essere attuati in diversi Cantoni. Nel sito www.swisscancerscreening.ch, può controllare se il Suo Cantone organizza un programma di screening del cancro colorettale. Se abita in un Cantone che non offre lo screening, ne parli con il Suo medico o con il farmacista oppure chieda consiglio alla Linea cancro.

Il carcinoma colorettale cresce lentamente, per cui può trascorrere molto tempo prima di accorgersene. I sintomi, quando compaiono, vanno e vengono, quindi è facile confonderli con disturbi intestinali più banali.

 

I sintomi più frequenti sono: 

  • modifiche nelle abitudini di evacuazione (per esempio diarrea o stitichezza improvvisa, o un’alternanza tra le due);
  • feci assottigliate («nastriformi»), falsa urgenza di evacuazione;
  • perdita di peso inspiegabile;
  • sangue nelle feci o sulla loro superficie, per cui si tingono di rosso o nero;
  • muco nelle feci, sanguinamenti dal retto;
  • dolori addominali insoliti e persistenti, che possono indicare un’incipiente occlusione intestinale;
  • meteorismo;
  • inappetenza e perdita di forze.

Il medico pone una serie di domande sul Suo stato di salute, sui sintomi e sulle terapie attualmente in corso. Si informa anche sui Suoi precedenti medici e su quelli della Sua famiglia, in particolare in merito alla comparsa di tumori. Poi procede a un esame obiettivo e fa un esame del sangue.

L'analisi delle feci eseguita dopo i primi esami serve per individuare la presenza di sangue occulto nelle feci, che può essere un segno della presenza di un tumore. Se c’è sangue bisogna accertarne l'origine, che non è necessariamente maligna poiché altri disturbi possono provocare sanguinamenti, come ad esempio le emorroidi.

Per determinare la provenienza del sangue nelle feci si esegue una colonscopia. Quest’esame è necessario nelle persone sopra i 50 anni che hanno sangue nelle feci non causato da emorroidi.

I principali trattamenti del cancro colorettale sono: 

  • la chirurgia;
  • la radioterapia;
  • la radiochemioterapia, una combinazione di radioterapia e chemioterapia;
  • i trattamenti medicamentosi: chemioterapia, terapia mirata, immunoterapia;
  • l’ablazione termica mediante radiofrequenza e l’embolizzazione per il trattamento delle metastasi epatiche.

Questi trattamenti sono somministrati da soli, in combinazione o in sequenza. Spesso sono prescritti l'uno dopo l’altro, poiché diversi trattamenti simultanei comportano il rischio di effetti indesiderati più intensi.

Il piano di trattamento può variare molto da persona a persona. Chieda spiegazioni alla Sua équipe curante. 

Materiale informativo

Le è stato diagnosticato un cancro del colon o del retto?
Le seguenti guide informative possono aiutarla:


Ordini l'opuscolo nello shop

Nello shop trova numerosi opuscoli e guide informative su vari temi inerenti al cancro.

Aggiornato il: 19.05.2020