krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_walliskrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroPre­venzione del cancroUno stile di vita sanoNon fumareLinea stop tabaccoLa consulenza telefonica offerta dalla Linea stop tabacco è una storia di successiLinea stop tabacco

La consulenza telefonica offerta dalla Linea stop tabacco è una storia di successi

Oltre il 50 percento di chi fuma ha una sindrome di dipendenza di rilevanza clinica, che di norma non può essere risolta senza interventi terapeutici. La consulenza telefonica della Linea stop tabacco è un metodo di disassuefazione, che funziona con gruppi sociali diversi. L’offerta a bassa soglia, senza vincoli di tempo o luogo, è ampiamente accessibile. La Linea stop tabacco viene gestita in modo professionale, in conformità con gli standard della European Network of Quitlines.


Efficacia della consulenza telefonica rispetto ad altri formati:

La disassuefazione e la stabilizzazione telefoniche si sono affermate e consolidate a livello internazionale nella disintossicazione dal tabacco grazie alla loro efficienza a livello di costi e alla facilità di accesso. L’efficacia della consulenza telefonica è dimostrata scientificamente. Il metodo è basato sull’evidenza e viene raccomandato per la sua efficacia da rinomate quitline per smettere di fumare, ad esempio in Germania1, USA 2 o Svizzera3. La consulenza telefonica è però decisamente migliore di altri formati di disassuefazione dal tabagismo come i materiali di autoaiuto e i programmi di autoaiuto basati su internet e mobili1. Inoltre, una consulenza telefonica coadiuva altri interventi finalizzati alla disassuefazione dal fumo, come gli aiuti farmacologici1. Se gli studi medici iscrivono i propri pazienti ad un servizio telefonico di disassuefazione dal fumo, aumentano significativamente le percentuali di astensione dal fumo rispetto ad un intervento breve4.


Una consulenza individuale e su misura:

Chi chiama ha la possibilità di farsi sostenere e seguire gratuitamente, a livello professionale, nel processo di disassuefazione e nella fase di stabilizzazione, attraverso vari colloqui di consulenza5. Dopo il primo colloquio, chi è pronto a smettere, potrà beneficiare di un coaching gratuito di quattro o cinque colloqui. Si viene richiamati dalla Linea stop tabacco.

Nel corso della consulenza si insegnano tecniche semplici ed efficaci, che aiutano a prepararsi a smettere e a resistere, come l’analisi comportamentale, l’auto-osservazione, le modalità di gestione dello stress e la prevenzione delle ricadute.


Successo:

tre persone su dieci che chiamano la Linea stop tabacco smettono di fumare e dopo 12 mesi sono libere dal tabagismo. Chi segue il coaching per quattro ulteriori colloqui dopo quello iniziale, ha probabilità ancora maggiori di astenersi dal tabacco. Quasi il 40 percento di loro non fuma dopo sei mesi e il 33 per cento è libero dal fumo anche dopo 12 mesi6.


Collaborazioni efficaci con gli ospedali:

i pazienti stazionari, che si sottopongono ad un intervento breve presso un ospedale e che sono seguiti dai consulenti della Linea stop tabacco dopo le dimissioni dall’ospedale, hanno chances ancora maggiori di astenersi dal fumo, nella percentuale del 55 percento. Non ci sono costi, né per il paziente né per l’ospedale o le casse malati e questo è uno sgravio per il sistema sanitario. In un setting medico, la consulenza telefonica dovrebbe essere offerta dopo un intervento breve 1,2,3.


La Linea stop tabacco è denaro investito bene:

è finanziata dal Fondo per la prevenzione del tabagismo della Confederazione, alimentato a sua volta da una tassa di 2,6 centesimi su ciascun pacchetto di sigarette. Sono soldi investiti bene. Il fumo causa spese sanitarie ingenti. I costi aggiuntivi delle malattie causate dal tabagismo sono stimati in 1,5 miliardi di franchi svizzeri. Complessivamente, però, i costi indiretti per la società, dovuti alle perdite di produzione e ai costi immateriali, sarebbero notevolmente più alti. Gli esperti ritengono si tratti di 10,7 miliardi di franchi svizzeri7.


Un uso crescente grazie alla buona qualità e all’elevata efficacia:

da quando è stata attivata la Linea stop tabacco nel 2005, i colloqui di consulenza sono cresciuti costantemente. Come concordato con il Fondo per la prevenzione del tabagismo, inizialmente erano stati previsti 3500 colloqui l’anno per il periodo successivo al 2015. Nel 2016 la Linea stop tabacco ha ricevuto oltre 3000 richieste. Ciò ha portato in totale ad oltre 5000 colloqui, svolti nello stesso anno.

Totale colloqui

L’esperienza ha dimostrato come ogni persona che si avvale della consulenza della Linea stop tabacco sproni almeno altre quattro persone del suo ambiente a tentare di smettere. Quindi, indirettamente, si raggiungono molti più fumatori.

Si rivolgono alla Linea stop tabacco sia uomini che donne, di ogni età. Essa è efficace soprattutto laddove le altre offerte di consulenza falliscono: con le persone fortemente dipendenti.

Chiamano la Linea stop tabacco in misura leggermente maggiore gli uomini rispetto alle donne, di ogni età. Lo ha rilevato uno studio8. La fascia d’età maggiormente rappresentata era quella dai 25 ai 44 anni. Un terzo di chi chiamava fumava più di un pacchetto al giorno. Il 24 percento aveva particolare bisogno di aiuto a causa di una comorbilità psichica. Più avanzata è l’età del fumatore, maggiore è anche il numero di sigarette fumate. Il 54 percento era in possesso di un diploma professionale, il 37 aveva frequentato la scuola media ed aveva un diploma di una scuola universitaria professionale o di una università. Il dieci percento di chi aveva chiamato aveva frequentato la scuola primaria.

1 S3-Leitlinie “Screening, Diagnostik und Behandlung des schädlichen und abhängigen Tabakkonsums” AWMF-Register Nr. 076-006, 09.02.2015

2 US-Guidelines auf Basis von Fiore et al. (2008)

Tabakentwöhnung: Update 2011 Teil 1, Jacques Cornuz, Isabelle Jacot-Sadowski, Jean-Paul Humair, Carole Clair, Macé Schuurmans, Jean-Pierre Zellweger, Schweiz Med Forum 2011;11(9):156–159

(OR = 2.86; KI 0.94-8.71, Borland et al.2008).

5 Anhang Beratung bei der Rauchstopplinie

6 Zusammenfassung Evaluation Rauchstopplinie

7 Jeanrenaud, Claude et al. (2005).

8 Nationale Rauchstopplinie 0848 000 181 – Rauchstoppversuche und veränderte Rauchgewohnheiten der beratenen Personen (Befragungen 2010-2012); Hans Krebs, Kommunikation und Publikumsforschung, Zürich

Shearer & Shanahan, 2006; Zhu et al., 2002Mottillo S, Filion KB, Belisle P, Joseph L, Gervais A, O'Loughlin J, Paradis G, Pihl R,Pilote L, Rinfret S, Tremblay M, Eisenberg MJ. Behavioural interventions for smokingcessation: a meta-analysis of randomized controlled trials. Eur Heart J.2009;30(6):718-30.

Stead LF, Perera R, Lancaster T. Telephone counselling for smoking cessation.

Cochrane Database of Systematic Reviews 2006, Issue 3. Art. No.: CD002850. Doi:

10.1002/14651858.CD002850.pub2.

Zhu S-H, Anderson CM, Tedeschi GJ, et al. Evidence of real-worldeffectiveness of a telephone quitline for smokers. N Engl J Med.2002;347(14):10871093. http://dx.doi.org/10.1056/NEJMsa020660

Metaanalyse (Rigotti, Munafo & Stead, 2008) Die Cochrane-Arbeitsgruppe um Rigotti hat 33 Studien zu Tabakentwöhnung im Setting Krankenhaus in USA und Europa ausgewertet. Eine intensivere Ausstiegsbehandlung erhöht Abstinenzchancen nach 6 und 12 Monaten deutlich: OR 1.65, bei 11 Studien 1.81