krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroPre­venzione del cancroUno stile di vita sanoEvitare fattori ambientali nociviDiossineEvitare fattori ambientali nocivi

Diossine

Che cosa sono le diossine?

Nel linguaggio comune, con il termine «diossine» si indicano circa 200 diversi composti chimici di due classi di sostanze affini: le policloro-dibenzo-p- diossine (PCDD) e i policloro-dibenzofurani  (PCDF). Di recente sono state incluse anche altre sostanze, come i bifenili policlorurati, i cosiddetti «PCB».  La tossicità di queste sostanze è variabile. Le diossine sono principalmente assunte con l’alimentazione e si accumulano nel tessuto adiposo a causa della loro elevata liposolubilità. Si ha un avvelenamento acuto solo in presenza di quantitativi relativamente elevati. La pericolosità risiede nel fatto che le diossine si degradano solo molto lentamente e possono eventualmente causare patologie croniche.

Come avviene la contaminazione da diossine degli alimenti?

Le diossine sono prodotte durante i processi di combustione e sono quindi diffuse in tutto il mondo. Si concentrano nel terreno, dove permangono molto a lungo. Gli animali da allevamento assumono le diossine dalle particelle di terreno, che si concentrano nei loro tessuti adiposi. Carne, pesce, uova e latte hanno, quindi, valori di diossine più elevati rispetto agli alimenti vegetali. L’uomo assume circa il 44% delle diossine (incluso il cPCB) attraverso il latte e i latticini. Negli ultimi anni, in Svizzera, la contaminazione da diossine è molto diminuita grazie alle misure di tutela ambientale intraprese.

Quali sono gli effetti delle diossine sulla salute?

Nell’uomo si verifica un avvelenamento acuto da diossine solo se sono assunti quantitativi molto al di sopra di quelli della contaminazione di base. In tali casi possono manifestarsi alterazioni cutanee infiammatorie. Negli studi sugli animali sono stati osservati effetti cronici, disturbi della riproduzione, del sistema immunitario, del sistema nervoso e dell’equilibrio ormonale. Alcune diossine, tra cui quella nota come «diossina di Seveso», sono state classificate come cancerogene dall’OMS (per diversi tipi di cancro).

Come posso proteggermi?

Visto che le diossine si trovano ovunque, tutti siamo contaminati dalle diossine. Si ritiene però che normalmente questo non danneggi o danneggi poco la nostra salute. Si può ridurre la propria contaminazione, per esempio eliminando le parti grasse della carne. Il consumo di latticini a basso tenore di grassi può diminuire la contaminazione, che può essere contenuta o ridotta anche con un’alimentazione equilibrata, ricca di frutta e verdura.