krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroPre­venzione del cancroDiagnosi precoce e prevenzione del cancroCancro del senoScreening mammograficoCancro del seno

Screening mammografico

Per il momento la mammografia è il metodo principale per diagnosticare precocemente il cancro del seno nelle donne che hanno più di 50 anni di età.

La mammografia è raccomandata specialmente alle donne sopra i 50 anni, perché il rischio di ammalarsi aumenta con l'età: 8 casi su 10 di cancro del seno si registrano nelle ultracinquantenni.


Il programma di screening mammografico

Nei programmi di screening mammografico, tutte le donne al di sopra dei 50 anni di età vengono invitate, ogni due anni, a sottoporsi ad una mammografia. L’opportunità dell’esame viene offerta regolarmente a tutte le donne nella fascia d’età interessata, senza distinzioni di ordine sociale o economico. I programmi di screening devono rispettare rigorosi requisiti di qualità stabiliti dalla legge.

Attualmente esistono programmi di screening mammografico nei cantoni di Basilea Città, Berna, Friburgo, Ginevra, grigioni, Giura (inclusa la Giura bernese), Neuchâtel, San Gallo, Ticino, Turgovia, Vaud e Vallese.

Nei cantoni senza programma, l’esecuzione di una mammografia viene decisa d’accordo con il medico.

La cassa malati si fa carico dei costi della mammografia per la diagnosi precoce nel quadro di un programma o in caso di rischio più elevato di cancro del seno per familiarità.


Effetti desiderati della diagnosi precoce del cancro del seno

Sappiamo dagli studi scientifici che con un programma di screening mammografico di qualità controllata è possibile prevenire decessi causati dal cancro del seno.

Su 1000 donne che, a partire dai 50 anni d’età, si sottopongono con regolarità ogni due anni alla mammografia di screening, nei 10 anni successivi ne muoiono quattro a causa del cancro del seno. Senza screening, morirebbero invece cinque donne. Nell’arco di dieci anni, dunque, lo screening evita un decesso per cancro del seno.

Inoltre, se il cancro del seno è diagnosticato precocemente, il trattamento è generalmente più semplice e meno pesante.


Effetti indesiderati della diagnosi precoce del cancro del seno

Come in tutti gli esami, anche nel caso di una mammografia si possono ottenere falsi risultati. Può quindi succedere che delle donne debbano sottoporsi ad ulteriori accertamenti e che si scopra alla fine che si tratta di un’alterazione benigna. Oppure che delle donne abbiano un cancro del seno che però non è visibile alla mammografia o che non viene riconosciuto.

Con una mammografia è possibile anche scoprire e di conseguenza curare tumori che probabilmente non avrebbero mai causato problemi alla donna («eccesso di diagnosi»). Purtroppo oggi non è possibile prevedere quali tumori non diventeranno pericolosi. Può anche darsi che si trovi un tumore maligno ormai incurabile.


La posizione della Lega contro il cancro:

La Lega svizzera contro il cancro appoggia e raccomanda i programmi di screening mammografico. Essa è del parere che, in base alle attuali conoscenze, i vantaggi dello screening mammografico siano superiori agli svantaggi.