krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroPre­venzione del cancroDiagnosi precoce e prevenzione del cancroCancro del senoPrevenzione e diagnosi precoce del cancro del senoCancro del seno

Prevenzione e diagnosi precoce del cancro del seno

Il cancro del seno può colpire chiunque. Tuttavia, le donne possono contribuire a minimizzare il rischio e, nel caso che siano colpite, a far sì che il cancro sia riconosciuto il più presto possibile. Da qualche anno sta regredendo il numero di decessi per tumore al seno. Uno dei motivi di questa evoluzione favorevole è il miglioramento della diagnosi precoce, che non può prevenire il tumore, ma aiuta a riconoscerlo in uno stadio iniziale. Meno la malattia è in stadio avanzato, migliori sono le chance di guarigione.

Fattori di rischio che Lei non può modificare

  • Il sesso è il principale fattore di rischio di cancro del seno. Anche gli uomini possono esserne colpiti, ma molto più raramente delle donne. 
  • L’età avanzata è uno dei maggiori fattori di rischio di cancro. Al momento della diagnosi, quattro donne su cinque hanno più di 50 anni.
  • Se in famiglia è già stata colpita dal cancro del seno la madre o una sorella oppure una figlia, una donna corre un rischio più elevato di ammalarsi.
  • Dal 5 al 10 per cento circa dei casi di cancro del seno sono imputabili a una predisposizione genetica.

Fattori di rischio che Lei può modificare

Alcuni fattori di rischio di cancro del seno sono strettamente legati allo stile di vita
della persona e spesso sono evitabili o perlomeno riducibili.

  • Le donne che praticano molta attività fisica hanno un rischio inferiore di cancro del seno. 
  • L’alcol e il tabacco aumentano il rischio di cancro del seno. Pertanto è raccomandabile consumare alcolici solo in piccole quantità e rinunciare al fumo.
  • Un’alimentazione equilibrata, con molta frutta e verdura, può contribuire a evitare il sovrappeso e a ridurre così il rischio di tumore al seno.

Che cosa può fare Lei

  • Il metodo principale per il riconoscimento precoce del cancro del seno nelle donne dai 50 anni in poi è la mammografia. La Lega svizzera contro il cancro raccomanda e sostiene la diagnosi precoce del cancro del seno mediante lo screening mammografico delle donne dai 50 in poi. In molti Cantoni sono stati istituiti programmi che invitano le donne a sottoporsi a una mammografia ogni due anni, a partire dal cinquantesimo anno d'età. La partecipazione al programma è volontaria.
  • Se Lei fa parte delle donne con rischio di cancro del seno più elevato, chieda una consulenza medica. Si rivolga al Suo medico per un primo chiarimento.
  • L’autoesame del seno è un metodo semplice per individuare eventuali alterazioni del seno. Non sostituisce però in alcun modo un esame medico o una mammografia per la diagnosi precoce del cancro del seno. Negli studi non è stato possibile dimostrare che l’autoesame regolare comporti una diminuzione dei casi di decesso per cancro al seno. Ciò nonostante non è escluso che nei singoli casi una donna possa approfittare dell’autoesame regolare del seno.
  • Se ha dubbi o domande può rivolgersi in ogni momento al servizio di consulenza gratuito della Lega svizzera contro il cancro o alla Sua Lega regionale contro il cancro.

Se nota i seguenti sintomi e disturbi, faccia subito qualcosa

Se nota una delle seguenti alterazioni del seno, le faccia esaminare al più presto dal Suo medico:

  • noduli (indolenti) o indurimenti delle mammelle o nell’incavo delle ascelle;
  • alterazioni di dimensioni, forma o colore delle mammelle;
  • alterazioni cutanee, per esempio arrossamenti, rigonfiamenti o rientranze, soprattutto del capezzolo;
  • infiammazione o perdita di liquido da un capezzolo, anche mista a sangue;
  • sensazione di dolore o tensione diversa da quella normalmente provata durante le mestruazioni;
  • differenza di grandezza mai esistita prima tra le due mammelle;
  • perdita di peso inspiegabile.