krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroPrevenire il cancroPrevenzione e diagnosi precoceFattori ambientali e cancroRadiazione ionizzanteFattori ambientali e cancro

Radiazione ionizzante

Le radiazioni ionizzanti dispongono di sufficiente energia per disgregare i legami degli atomi e delle molecole, ionizzandoli. Nel linguaggio comune, questo tipo di radiazione viene spesso chiamata «radioattività». Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare molte molecole biologiche, come ad esempio il genoma. Una possibile conseguenza è il cancro. La Lega contro il cancro raccomanda di seguire sempre scrupolosamente le prescrizioni in materia di radiazioni ionizzanti.

Le radiazioni ionizzanti possono presentarsi sia come radiazione elettromagnetica (raggi X e raggi Gamma) che come radiazione corpuscolare (ad es. radiazioni Alfa e Beta). La principale caratteristica delle radiazioni ionizzanti è quella di possedere energia sufficiente a ionizzare atomi e molecole e di poter quindi danneggiare anche il patrimonio genetico favorendo, tra l’altro, lo sviluppo di una malattia oncologica.

Ogni uomo è esposto alle radiazioni ionizzanti naturali, che sono presenti ovunque e vengono generate sia dalla radiazione cosmica che dalla radiazione terrestre (proveniente dal suolo, ad esempio quella del radon.

Oltre alle radiazioni naturali (che possono essere molto diverse da un luogo all’altro) ci sono anche radiazioni ionizzanti prodotte artificialmente, tra cui quelle impiegate in medicina, ad esempio per la diagnostica ai raggi X o la radioterapia. Nelle applicazioni mediche si deve sempre ponderare il vantaggio del trattamento a fronte del rischio per la salute.

L’Ordinanza sulla radioprotezione ha lo scopo di garantire la protezione dalle radiazioni ionizzanti. Rigorose direttive e valori limite si applicano in particolare alle radiazioni ionizzanti prodotte artificialmente, al fine di ridurre al minimo il carico radioattivo sulla popolazione in genere. Sono, inoltre, previste particolari disposizioni per la protezione delle persone esposte alle radiazioni per motivi professionali, ad esempio nei settori della medicina, della tecnologia nucleare, dell’aviazione e della ricerca.

Una sorgente di radiazioni importante, ma spesso sottovalutata nella vita quotidiana, è rappresentata dal radon. Per i proprietari di immobili o i committenti di nuove costruzioni o ristrutturazioni, vale quindi la pena di esaminare approfonditamente questa problematica.

Grafico radiazione ionizzante