krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroPazienti con cancro in fuga dall’Ucraina

Pazienti con cancro in fuga dall’Ucraina

Le rifugiate e i rifugiati ucraini che hanno dovuto lasciare il loro Paese a causa della guerra ricevono le cure mediche necessarie in Svizzera. In veste di professionista o privato ha a che fare con persone provenienti dall’Ucraina? Sorgono domande sulle terapie del cancro, sui farmaci o sul cancro in generale? Ecco le risposte.

Persone che fuggono dall'Ucraina - tra loro ci sono anche malati di cancro
Stato di aggiornamento: 06 maggio 2022

Questo testo è tradotto ucraino, russo e in inglese in fondo a questa pagina:

Люди з України тепер можуть надсилати свої запитання щодо онкологічних захворювань на гарячу лінію підтримки онкохворих. Будь ласка, надсилайте запити українською та російською мовами на helpline@krebsliga.ch .

Враховуючи необхідність здійснювати переклад запитів, надання відповіді може потребувати довшого часу, аніж 2 робочі дні. Дякуємо за розуміння.

Люди из Украины теперь могут присылать свои вопросы по онкологическим заболеваниям на горячую линию поддержки онкобольных. Пожалуйста, присылайте запросы на русском и украинском языках на helpline@krebsliga.ch .

В связи с необходимостью перевода запросов ответ может занять больше двух рабочих дней. Спасибо за Ваше понимание.

Normalmente i costi del trattamento oncologico sono pagati dall'assicurazione malattia obbligatoria. Cosa devo fare per assicurarmi?

Caso I

  • Ho presentato una richiesta per lo statuto S al centro federale d'asilo oppure tramite RegisterME.
  • Sono stata assegnata a un Cantone.
  • Sono dipendente dall'aiuto sociale.

In questo caso, il cantone L'assegna a un'assicurazione malattia. Lei è assicurata retroattivamente a partire dalla data della richiesta.

A partire da questo momento, la Confederazione paga i costi dei premi, la franchigia e la partecipazione ai costi dell'assicurazione malattia obbligatoria.

 

Caso II

  • Ho presentato una richiesta per lo statuto S al centro federale d'asilo oppure tramite RegisterME.
  • Non sono dipendente dall'aiuto sociale.

In questo caso, deve stipulare di propria iniziativa un'assicurazione malattia. Deve farlo entro tre mesi dalla richiesta.

Lei è assicurata retroattivamente a partire dalla data della richiesta. I premi, la franchigia e la partecipazione ai costi deve pagarli Lei.

Le persone richiedenti protezione possono rimanere in Svizzera per tre mesi senza visto o permesso e abitare presso privati. In questo caso, la persona richiedente protezione non è soggetta all’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie e le spese sanitarie possono essere coperte da un’assicurazione di viaggio privata oppure devono essere sostenute privatamente. Non appena ha presentato la domanda online per la concessione della protezione temporanea in Svizzera (statuto di protezione S), è coperta dall’assicurazione malattie.

 

La domanda online può essere presentata tramite la homepage della Segreteria di Stato della migrazione. 

Se una persona ha bisogno di assistenza medica immediata anche prima di richiedere lo statuto di protezione S e non ha un’assicurazione sanitaria, i costi sono coperti dall’amministrazione pubblica.

Secondo gli studi, le persone malate di cancro sono esposte a un rischio leggermente superiore di complicazioni gravi dopo un’infezione da COVID-19 e muoiono anche più spesso delle persone contagiate che non hanno il cancro. Pertanto la Lega contro il cancro raccomanda la vaccinazione contro il coronavirus. I vaccini sono testati e sicuri e possono prevenire il contagio, i decorsi gravi e la morte. Le persone colpite dovrebbero discutere con il proprio oncologo la decisione e il momento migliore per la vaccinazione.

Anche i pazienti con terapia immunosoppressiva possono vaccinarsi. Tuttavia è possibile che rispondano meno bene alla vaccinazione a causa dell’immunosoppressione e non siano in grado di costruire una protezione immunitaria sufficiente. Prima di vaccinarsi dovrebbero assolutamente parlarne con il proprio oncologo.

Le persone in cerca di protezione provenienti dall’Ucraina che presentano sintomi possono sottoporsi al test sul coronavirus e possono anche farsi vaccinare contro il SARS-CoV-2. Queste prestazioni sono pagate dalla cassa malati.

La vaccinazione è particolarmente importante per i malati di cancro ucraini, dato che tanti rifugiati dall’Ucraina vivono attualmente a stretto contatto con molte persone.

L’istituto tedesco Robert Koch-Institut (RKI) mette a disposizione una scheda esplicativa sulla vaccinazione contro il COVID-19 in lingua ucraina.

Le persone malate di cancro provenienti dall’Ucraina dovrebbero contattare un ospedale o uno studio medico il più presto possibile dopo aver consultato le autorità competenti. Lì possono chiarire come proseguire o iniziare il loro trattamento del cancro. Questo è particolarmente importante per chi non si registra immediatamente dopo l’arrivo.

Se possibile, queste persone dovrebbero essere accompagnate dal medico da qualcuno che parli sia l’ucraino che la rispettiva lingua nazionale. Importante: la cassa malati normalmente non paga interpreti. Ma se l’interpretariato professionale è indispensabile per lo svolgimento di un esame o di un trattamento medico e per il successo terapeutico e se le persone malate di cancro non possono fornire un interprete, questi costi possono essere considerati come parte del servizio medico. La Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori della sanità raccomanda l’assunzione di questi costi. Tuttavia va chiarito in ogni singolo caso se tali costi sono effettivamente coperti.

 

Il servizio di informazioni e consulenza «Linea cancro» della Lega svizzera contro il cancro è a disposizione delle persone malate di cancro, dei loro congiunti e anche del personale specialistico e li sostiene in un colloquio personale.

Il team di consulenza della «Linea cancro» è raggiungibile tutti i giorni dalle 9 alle 19. La consulenza è gratuita. Parliamo tedesco, francese, italiano e inglese.

  • Telefono 0800 11 88 11
  • Ora recepiamo le vostre domande sul cancro anche in lingua ucraina e russa. Scriveteci a helpline@legacancro.ch . Poiché le richieste devono essere tradotte, la risposta può richiedere più tempo dei consueti 2 giorni lavorativi. Grazie della comprensione. 
  • E-mail a helpline@legacancro.ch

Consulenza sul posto

Desidera ricevere consulenza sul posto? Le Leghe contro il cancro cantonali e regionali offrono consulenza in inglese, tedesco, francese o italiano.

Ulteriori informazioni

Consulenza
Consulenza

Il servizio di consulenza e informazione dedicato ai malati di cancro, ai loro familiari e a tutte le persone interessate è disponibile nei giorni feriali dalle 10 alle 18 per telefono, e-mail, chat e videochiamata.

Linea cancro 0800 11 88 11
Chat «Cancerline» alla Chat
Consigliano sul posto legacancro.ch/region
Consulenza
Consulenza