krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroMediaComunicati stampaProteggere i giovani con il divieto di fare pubblicità

Proteggere i giovani con il divieto di fare pubblicità

La maggior parte dei fumatori inizia a fumare prima dei 18 anni. Per una protezione efficace dei giovani, la Lega contro il cancro sostiene l’iniziativa popolare federale «Sì alla protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità per il tabacco». Proprio in occasione della Giornata mondiale senza tabacco, il comitato dell'iniziativa è in dirittura d'arrivo con la raccolta delle firme.

Quasi in nessun altro Paese europeo si può fare pubblicità per prodotti del tabacco così apertamente come da noi in Svizzera. È provato che la pubblicità per i prodotti del tabacco ha un forte influsso sui giovani. Il 57 per cento dei fumatori afferma di aver fumato la prima sigaretta prima di 18 anni. Per sostenere e promuovere al meglio i bambini e gli adolescenti nel loro sano sviluppo, un anno fa diverse organizzazioni sanitarie svizzere – tra cui anche la Lega contro il cancro – hanno lanciato un'iniziativa popolare. Quest’ultima vuole limitare la pubblicità dei prodotti del tabacco in modo che non raggiunga più i bambini e gli adolescenti. La raccolta di firme incontra un ampio favore nella popolazione. Fino alla Giornata mondiale senza tabacco, il 31 maggio 2019, al comitato dell'iniziativa sono già pervenute circa 100’000 firme. Complessivamente sono necessarie 100 000 firme autenticate. Invitiamo tutti a sostenerci fino alla fine di luglio 2019 e a continuare energicamente con la raccolta. Le liste per le firme si possono ordinare al sito www.fanciullisenzatabacco.ch.

Per una politica più responsabile. Il cancro del polmone è un problema

Le grandi organizzazioni sanitarie hanno lanciato questa iniziativa popolare poiché finora in Svizzera la legge ha previsto l'attuazione di misure poco efficaci per la riduzione del consumo di tabacco. In Svizzera ogni anno sono ancora 9500 le persone che muoiono a causa delle conseguenze dirette legate al consumo di tabacco; oltre il 40% delle quali di cancro del polmone. Pertanto occorre un maggiore impegno da parte della politica. Attualmente la Commissione federale per la salute pubblica sta lavorando alla nuova legge sui prodotti del tabacco. Purtroppo nella bozza della nuova legge presentata dal Consiglio federale alla fine del 2017 mancano misure incisive per la prevenzione del consumo di tabacco. Pur essendovi consenso sul fatto che in futuro in tutta la Svizzera debba essere proibita la vendita di prodotti del tabacco ai minori, allo stesso tempo, tuttavia, è previsto il mantenimento della normativa esistente in merito alla pubblicità, che di fatto consente misure pubblicitarie rivolte ai giovani. Il divieto di fare pubblicità costituisce, invece, un efficace mezzo di prevenzione. Già nel 2011, uno studio ha mostrato che con un divieto di tutte le forme di pubblicità, promozione e sponsoring si ottiene una diminuzione significativa del consumo di tabacco. Ci auguriamo che il Parlamento colga l'opportunità di proteggere in modo particolare i bambini e gli adolescenti dagli effetti nocivi del consumo di tabacco.

Vale sempre la pena smettere di fumare: la Linea stop tabacco della Lega contro il cancro offre sostegno

Un efficace no al fumo non inizia solo dopo l’ultima sigaretta. Catherine Abbühl, responsabile della Linea stop tabacco della Lega svizzera contro il cancro consiglia di cominciare prendendo nota delle situazioni nelle quali normalmente si accende una sigaretta, come per esempio aspettando il treno o nella pausa di lavoro. Poi si può pensare ad eventuali alternative sotto forma di distrazione per le mani, la testa e la bocca.

Uno stop efficace riesce meglio evitando completamente il fumo, anziché provando a ridurlo progressivamente. La cosa più importante è resistere con tutte le forze alla voglia di una sigaretta. Al posto della sigaretta si può mangiare una mela, lavarsi i denti o massaggiarsi le mani. La Linea stop tabacco offre sostegno a chi intende smettere di fumare. Specialisti con apposita formazione seguono le persone in diversi colloqui gratuiti e riservati, dalla preparazione alla stabilizzazione dopo che hanno smesso di fumare.

La Linea stop tabacco (0848 000 181) è gestita dalla Lega svizzera contro il cancro in collaborazione con l'Associazione svizzera per la prevenzione del tabagismo ed è finanziata dal Fondo per la prevenzione del tabagismo. Il coaching per smettere di fumare comprende diverse telefonate gratuite da parte della Linea stop tabacco e viene offerto in dieci lingue.

I consulenti sono presenti dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 19.
Ulteriori informazioni: www.linea-stop-tabacco.ch