krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_walliskrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroIl cancroTestimonianze personaliRon DideldumTestimonianze personali

Ron Dideldum

Trasmette loro fiducia

Ron Dideldum

Pochi luoghi al mondo sono così tranquilli come i corridoi di un ospedale pediatrico. Non si sente nessuna risata, nessuno schiamazzo e nessun ridacchiare attraverso le porte, dietro alle quali persino le piccole monelle e i birbanti in erba sembrano zittirsi temporaneamente, durante il periodo della convalescenza. Il luogo più silenzioso in assoluto è il piano C dell’ospedale pediatrico di Zurigo, nel reparto stazionario di oncologia, dove la minaccia che grava sulla vita in seguito alla diagnosi di un tumore domina su tutto, mettendo a tacere tutto e tutti. Qui, nella camera in fondo al corridoio, un bambino in età scolastica appoggia la testa su un cuscino a cuneo, guardando attraverso la finestra il freddo cielo primaverile. La madre gli siede accanto, immobile; tutto è già stato detto.

Ad un tratto, come per incanto, si apre la porta della camera ed un uomo con un soprabito viola e un fiore sul cappello pure viola si avvicina al letto. È Ron Dideldum, che visita i bambini affetti da un tumore per conto delle Lega contro il cancro.

Da un trolley Ron Dideldum estrae una cassetta che trasforma nel suo personale palcoscenico. Su di essa fa ballare una marionetta intorno ad una sedia in miniatura. La bambola però non si siede come dovrebbe sulla sedia, bensì di lato ad essa. Dal suo angolo del letto il bambino osserva divertito la scena. «Dai Johnny, siediti sulla sedia», esclama Ron Dideldum. Facendo i capricci Johnny si alza, issandosi a fatica, più che arrampicandosi lungo la gamba della sedia. Il bambino ride. Infine Johnny si siede trionfante, appoggiandosi allo schienale della sedia, che però traballa. Ora dondola avanti e indietro e alla fine si ribalta facendo cascare per terra Johnny. Adesso anche alla mamma scappa un sorriso, dimenticando per un attimo l’attesa colma di angoscia e di speranza.

Il clown dell’ospedale Ron Dideldum, con la sua magia, provoca molto di più di un semplice sorriso sul viso dei bambini malati di cancro. Trasmette loro fiducia durante uno dei momenti più difficili della loro vita.

Chi desidera scoprire in che modo Ron Dideldum s’impegna a favore dei bambini malati di cancro non ha che da continuare a leggere.