krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroIl cancroTestimonianze personaliClaudiaTestimonianze personali

Claudia

«Il cancro ha rivelato ciò che ho dentro di me: coraggio, forza e fiducia»

Claudia

Claudia si trova all’estero per un viaggio di lavoro. La sua ginecologa la chiama. Il nodulo che ha scoperto al seno e di cui le ha parlato durante il controllo, è un tumore maligno. È venerdì 11 febbraio 2014. Il giorno che cambia completamente la vita di Claudia, dando il via ad un susseguirsi di interventi medici: l’operazione, l’asportazione del tumore, la mastectomia, la chemioterapia, la radioterapia, la ricostruzione del seno. Gli opuscoli della Lega contro il cancro, dice Claudia, sono stati i miei fedeli compagni. 

Durante la chemioterapia, Claudia, che ha tra i quaranta e i cinquant’anni, compone dei collage per la figlia di cinque anni e le spiega cosa accadrà alla mamma. Claudia disegna la figura di una donna senza capelli, di una con la parrucca, di una con un foulard in testa e di una donna stanca. La figlia coglie solo in parte la gravità e resta serena. 

Claudia capisce una cosa: ci sono situazioni in cui deve farcela da sola. E attinge alla fiducia primordiale che ha dentro di sé. Dice: nella mia grande vulnerabilità ho sviluppato una forza enorme. Il cancro ha rivelato ciò che ho dentro di me: coraggio, forza, fiducia. 

La terapia fisica è finita. Claudia vive in modo sano, cerca di riposarsi a contatto con la natura, fa passeggiate nel bosco, fa jogging. La psiche sta guarendo. Ma ci vuole tempo.

Per una donna di quarantacinque anni, la malattia è un punto di svolta. Già prima di quel venerdì nero aveva portato a termine, mentre lavorava, una formazione come massaggiatrice e coach. Vuole lasciare la banca, aprire uno studio e aiutare le persone affette da cancro. Dona alla Lega contro il cancro il suo volto e compare in una campagna pubblicitaria: «La tua donazione salva delle vite: io ne sono la prova. Grazie!». 

Ogni giorno Claudia si pone la stessa domanda ed è felice di poterlo fare: Chi desidero essere nella mia vita?