krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroIl cancroLa mia storia con il cancroLa mia storia con il cancro

Beatrice – congiunto

«La Lega contro il cancro mi ha aiutato tanto ad aiutarmi da sola»

Beatrice

La figlia più piccola ha sei anni e ha un tumore alle ossa. Questo sconvolge la quotidianità della famiglia. Beatrice, la mamma, non può più continuare a lavorare part-time come fiorista. Così viene a mancare l’entrata in più per questa famiglia di otto persone. Si aggiungono invece le spese di trasporto per andare in ospedale e il costo, altissimo, dei parcheggi, nonché quello dei pernottamenti. Il bilancio familiare è logorato. E quando Beatrice torna a casa esausta dall’ospedale, senza sapere se la chemioterapia gioverà a Carina, le esigenze degli altri cinque figli e la montagna di cose da lavare e stirare diventano veramente troppo per questa donna.

«Cosa potrebbe aiutarla in questo momento?», chiede Rebekka Toniolo. Beatrice, in quel momento di bisogno, si era rivolta alla Lega contro il cancro di Zugo. Che la aiuta. In modo semplice e personale. Nei tanti incontri con Rebekka Toniolo, direttrice della Lega contro il cancro di Zugo, Beatrice si sente compresa. La Lega contro il cancro si fa carico dei costi dei parcheggi e dei pernottamenti. Un aiuto familiare sostiene la mamma nei lavori di casa nei momenti particolarmente gravosi. Si organizza l’assistenza alla figlia affetta da tumore e agli altri figli, in modo che la responsabilità sia meglio ripartita.

Rebekka Toniolo continua a porre la stessa, semplice domanda: «In questo momento che cosa potrebbe aiutarla a stare meglio?». Per quattro anni Beatrice trova nella Lega contro il cancro una partner affidabile. Ed è una necessità, anche quando il tumore è stato curato. La bambina soffre, infatti, di insufficienza cardiaca a causa della terapia, una situazione che può verificarsi in un caso pediatrico su mille. La bambina ha bisogno di un trapianto di cuore, ma nel frattempo bisogna impiantarne uno artificiale. Ciò che risulta straordinario da un punto di vista medico, significa un altro sconvolgimento per la vita della famiglia. «La Lega contro il cancro è stata la mia fortuna », afferma Beatrice. «La Lega contro il cancro mi ha aiutato tanto ad aiutarmi da sola».