krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroIl cancroCancro e coronavirusCancro e coronavirus

La crisi rende inventivi e solidali

Michèle Leuenberger-Morf

Dare una mano per fare la spesa o le faccende domestiche è quanto mai importante durante la crisi del coronavirus. Per questo motivo, la Lega contro il cancro dei due semicantoni di Basilea ha lanciato una nuova offerta per le persone particolarmente a rischio.
Michèle Leuenberger-Morf, direttrice e CEO della Lega contro il cancro dei due Basilea, com’è nata questa idea?

Normalmente, le persone malate di cancro, i loro familiari o i professionisti vanno e vengono dal nostro punto d’incontro «Haus der Krebsliga beider Basel» (Casa della Lega contro il cancro dei due Basilea) per consulenze, corsi e manifestazioni. In seguito alla crisi del coronavirus abbiamo chiuso il centro relativamente in fretta, il 16 marzo 2020, allo scopo di proteggere i nostri visitatori. Non potevamo più assumerci la responsabilità di gestire uno spazio aperto al pubblico.
Nonostante la chiusura temporanea del centro, volevamo comunque mostrarci solidali verso i nostri clienti. Abbiamo quindi riflettuto su come potevamo aiutare da casa le persone appartenenti al gruppo a rischio. Molto concretamente, ci siamo chiesti: di cosa hanno bisogno in questo periodo? Cosa potrebbe facilitare loro la vita in isolamento? Senza tergiversare, la responsabile del centro d’incontro, Carlyn Koudelka, ha trasformato in corsi online alcune offerte per le persone malate di cancro e le è venuta l’idea di proporre un servizio supplementare: «Vi facciamo la spesa e molto altro ancora!»

Un aiuto per le compere rivolto a persone che in questo momento dovrebbero restare in casa esiste già in molti posti. In cosa si differenzia la prestazione della Lega contro il cancro dei due Basilea rispetto agli altri servizi d’aiuto per fare la spesa?

La Lega contro il cancro ha la possibilità di andare incontro ai bisogni della gente in modo molto individuale e flessibile. Perciò, nell’ambito di questo servizio, facciamo la spesa o andiamo a prendere le medicine. Il vantaggio è che non facciamo aspettare giornate intere, com’è il caso, ad esempio, per le consegne a domicilio dei grandi distributori. Ma non ci limitiamo solo al sostegno per fare la spesa. Ci occupiamo anche dello smaltimento dei vecchi vestiti o del vetro, forniamo contatti, organizziamo trasporti o portiamo anche a passeggio il cane. Diamo una mano in modo molto personalizzato ovunque c’è bisogno ed è necessaria un’azione. Il nostro servizio può essere di grande aiuto specie per quelle persone che non osano chiedere di continuo il supporto dei vicini. Essendo un’organizzazione, offriamo quella distanza professionale che è utile per accettare un aiuto.
Ciò che per noi è davvero importante e che mi preme sottolineare è che non limitiamo questa offerta per i semicantoni di Basilea Città e Campagna unicamente alle persone con un cancro e ai loro familiari. Possono approfittarne tutti coloro – giovani o anziani – che appartengono al gruppo a rischio e che dovrebbero proteggersi dal coronavirus.

Dal 23 marzo 2020 l’offerta si può trovare sul sito Internet della Lega contro il cancro dei due semicantoni di Basilea. Chi sono gli interessati?

Ci fa piacere che questa prestazione appena ideata abbia già riscontrato attenzione da diverse parti e ne abbia incontrato il favore. Abbiamo avuto riscontri positivi dagli ospedali, che trovano molto utile il servizio per le persone a casa.
All’inizio l’offerta era utilizzata soprattutto dai nostri clienti. A poco a poco, però, ne fanno uso anche persone con altre malattie pregresse o i pensionati. Attualmente l’offerta è richiesta un po’ di più nel semicantone di Basilea Campagna, forse a causa delle maggiori distanze. In generale, è bello vedere che la gente è molto riconoscente se la si aiuta. Lo apprezza molto. E a nostra volta siamo grati di poter mostrare la nostra solidarietà ed essere d’aiuto in questi tempi difficili.

Assieme ai cantoni Ticino, Ginevra e Vaud, anche Basilea in quanto città di frontiera è molto colpita dalla pandemia. Signora Leuenberger-Morf, che atmosfera c’è a Basilea?

È difficile da dirsi. È un misto di paura e fiducia. La gente è preoccupata dall’incertezza e dalla rapida diffusione del virus e perciò si attiene alle prescrizioni della Confederazione; ma vede anche che le autorità e le istituzioni possono farvi  fronte. Sono rimasta colpita quando i cittadini basilesi hanno applaudito per un minuto il personale ospedaliero e infermieristico. In quel momento, si è potuto percepire realmente questa grande gratitudine e solidarietà. È stato molto commovente!

Grazie per questo colloquio e continui a restare in salute!

Questa intervista è stata realizzata per telefono l’8 aprile 2020.

Iscrizioni e contatto
Email: c.koudelka@klbb.ch Telefono: 061 319 99 87

L’offerta è gratuita.