krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroConsulenza e sostegnoMateriale informativoPer i familiariParlare con i bambiniPer i familiari

Come parlare del cancro ai bambini

Se uno dei genitori si ammala di cancro, è tutta la famiglia ad esserne colpita. I genitori dovrebbero informare i loro figli riguardo alla diagnosi di cancro. Parlare in modo aperto aiuta i bambini a non sentirsi da soli con le loro preoccupazioni, gli infonde sicurezza e contribuisce al buon rapporto tra genitori e figli.
I bambini dovrebbero sapere che una malattia come il cancro influisce sulla loro vita quotidiana. È importante che conoscano cosa cambia nella loro quotidianità e cosa resta invariato.

Consigli su come parlarne

È importante che i genitori dedichino molto tempo ai sentimenti e alle domande.

Linguaggio semplice e chiaro 

  • Usi parole semplici e frasi brevi. 
  • Non dica tutto in una volta, ma ripartisca le informazioni.
  • Alla fine chieda al bambino se ha capito.
  • Chiami la malattia con il suo nome. Dica che ha un cancro e spieghi al bambino che non c’entra niente con l’omonimo segno dell’oroscopo. 

Ad esempio, potrebbe dirgli:
«Ho un nodo nel petto. Questo nodo si chiama cancro e mi fa star male. Ecco perché devo andare in ospedale, dove mi toglieranno il nodo».

Parlare del presente 

  • Tralasci quelle informazioni che diventeranno importanti solo in un secondo momento.
  • Spieghi a Suo figlio i cambiamenti immediati nella sua vita quotidiana.

Ad esempio, potrebbe dirgli:
«Domani mi danno una medicina molto forte, che mi aiuta a combattere il cancro».

Oppure dica:
«Domani mi danno una pozione magica, che mi aiuta a combattere il cancro. Questa pozione, però, ha degli effetti indesiderati che mi fanno stancare».

Rassicurare il bambino 

  • Nessuno ha colpa del cancro, né il genitore malato né tantomeno il bambino.
  • Il cancro non è contagioso.
  • Gli adulti si curano da soli e, se necessario, ricevono sostegno dagli adulti.

A cosa fare attenzione 

  • Incoraggi Suo figlio a porre domande.
  • Incoraggi Suo figlio a continuare ad incontrare gli amici e a trascorrere ore spensierate.
  • Non gli faccia promesse che non può mantenere.
  • Semplicemente, lo ascolti e si offra di stargli vicino.

Come aiutare il Suo bambino

Le conversazioni sono molto importanti, ma talvolta esauriscono il bambino. Per questo è altrettanto importante incentivare le strategie di superamento, grazie alle quali i bambini imparano ad esprimere i propri sentimenti usando qualcosa di diverso dalle parole. Poter esprimere le proprie emozioni aiuta il bambino a gestire la situazione.

Consigli per le strategie di adattamento

Strategie di adattamento per bambini tra i tre e i dodici anni 

  • predisponete assieme delle pietre portafortuna; 
  • raccontate ogni sera tre belle cose successe durante la giornata; 
  • fate una «bambolina delle preoccupazioni» o una lista delle preoccupazioni; 
  • approntate assieme un diario familiare. 

Strategie di adattamento per ragazzi di oltre dodici anni 

  • cercate assieme una canzone preferita;
  • cucinate o preparate torte assieme; 
  • approntate un poster con delle idee che siano d’aiuto nei giorni di morale basso;
  • approntate un poster con delle idee contro il cattivo umore.

Ricevere sostegno 
Non sempre è possibile caricarsi tutto esclusivamente sulle proprie spalle. E non è neppure giusto addossarsi tutti i pesi. Si lasci aiutare dagli esperti. Può trovare sostegno dai consulenti delle Leghe cantonali e regionali contro il cancro, alla Linea cancro o presso i centri per l’infanzia e l’adolescenza del Suo Comune di residenza.

Maggiori informazioni su…

  • come reagiscono i bambini;
  • comunicazione adeguata all’età;
  • come gestire la quotidianità;
  • il commiato dei bambini;
  • quando un bambino ha bisogno di sostegno.

… e consigli per il personale docente si trovano nell’opuscolo «Se un genitore si ammala di cancro»