krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroConsulenza e sostegnoMateriale informativoPer i familiariMateriale informativo

Per i familiari

Il cancro colpisce tutta la famiglia del paziente. Spesso è fonte di enorme stress, soprattutto quando i parenti pretendono troppo da loro stessi e vogliono che tutto sia sempre perfetto. Tutte le persone coinvolte devono proteggersi dal rischio di sovraccarico e prendersi pause per rifare il pieno di energie.

Il cancro sconvolge la vita quotidiana. Molte cose devono essere riorganizzate e non è facile cambiare abitudini. Non si senta in colpa se accusa la fatica o non sa più come gestire la situazione. Chieda aiuto alla Sua Lega cantonale contro il cancro, ai servizi sociali o allo Spitex.

Parli con il familiare malato, con gli amici e con le altre persone che Le stanno attorno, per esempio il datore di lavoro. Non esiti a porre domande all'équipe curante. Chieda al malato di che cosa ha bisogno e rispetti la sua volontà.

Sin dall'inizio cerchi di ritagliarsi regolarmente dei momenti da dedicare solo a se stesso. Una persona riposata è molto più utile al malato di una esausta.

Accettare le proprie emozioni

Una diagnosi di cancro risveglia emozioni di vario tipo, anche apparentemente inopportune. Vale sia per il malato che per i suoi familiari.

  • Accetti queste emozioni senza vergognarsi.
  • Se cio' riesce difficile, ne parli con la Sua Lega cantonale contro il cancro o con l'équipe curante. Anche per i familiari c’è una vasta offerta di servizi di sostegno.
  • Cerchi valvole di sfogo per le Sue emozioni negative, pratichi attività che fanno bene. Può essere molto utile, ad esempio, fare sport, passeggiare, ascoltare musica, andare a ballare o scrivere.

Oasi nella quotidianità

Cerchi di vivere insieme al paziente dei bei momenti e di allontanare per qualche tempo la malattia dai proprio pensieri. Parli con il malato dei vostri reciproci desideri; forse qualcuno si rivela realizzabile. Non dimentichi di pianificare anche eventi o attività da solo, per ricaricare le batterie.

Parlare della morte

Il cancro è strettamente legato alla questione della morte, indipendentemente dal decorso positivo o negativo della malattia. Quindi non impedisca al malato, qualora lo desideri, di affrontare il tema della morte e del morire. Se le speranze di guarigione svaniscono, Le può venire in aiuto un team di cure palliative istruito a trattare questi casi.

Si faccia consigliare:

  • dall'équipe curante;
  • dalla Sua Lega cantonale contro il cancro;
  • dalla Linea cancro: 0800 11 88 11;
  • incontrando altre persone nella Sua stessa situazione sul Forum cancro.
  • leggendo l'opuscolo «Accompagnare un malato di cancro». Esso è dedicato ai molti problemi che si presentano ai familiari e dà molti consigli sul modo di affrontarli.