krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_walliskrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega contro il cancroAiutaciIniziativa di raccolta fondiEsempi di raccolta fondi1300 chilometri di corsa!Esempi di raccolta fondi

1300 chilometri di corsa!

80 chilometri al giorno: ecco la sfida lanciata da Eusébio Bochons, un maratoneta affermato, ma anche un sopravvissuto al cancro.

Partito da Place Pépinet a Losanna il 29 maggio alle 6.30, incoraggiato dai responsabili della Lega contro il cancro di Vaud, Eusebio Bochons ha raggiunto Friburgo verso le 14.15. È stato accolto dai rappresentanti della Ligue fribourgeoise contre le cancer che per l’occasione hanno montato uno stand di prevenzione solare in Place Georges Python. Dopo essersi rifocillato, il pomeriggio si è rimesso in strada verso Neuchâtel. Il 31 maggio ha fatto tappa a Soletta, il 2 giugno a Zurigo. Con il suo itinerario ha attraversato tutta la Svizzera, dove era sempre accolto dalle leghe cantonali e regionali. Ha fatto ritorno nel Cantone di Vaud alla clinica di Genolier a metà giugno dopo aver corso 1300 chilometri.

Correre di vittoria in vittoria ... sulla malattia

Eusébio Bochons non è alle prime armi. Maratoneta affermato, esperto di lunghe distanze, ha partecipato con successo a grandi corse in Svizzera e in Europa. Detiene anche il record del mondo su tapis roulant dove ha percorso 123.4 km in 12 ore. Ma la sua vittoria più bella è stata quella che ha riportato contro il cancro. Dopo la diagnosi di linfoma nel 2012 ha ripreso a correre, passo dopo passo, già durante la chemioterapia. Oggi è in via di guarigione ed afferma senza esitazione che la corsa gli ha salvato la vita.

  • © Daniel Lüthi, Luterbach 
  • © Daniel Lüthi, Luterbach 
  • © Daniel Lüthi, Luterbach 
  • © Daniel Lüthi, Luterbach 
  • © Daniel Lüthi, Luterbach 
  • © Daniel Lüthi, Luterbach 
  • © Daniel Lüthi, Luterbach